lunedì 30 aprile 2012

"Un anno di SpazioPalesse": il resoconto

Ottima riuscita per l'evento celebrativo del primo anno di attività di SpazioPalesse, la libreria non conforme aquilana. Alle ore 18, in una sala conferenze gremita si è svolta la conferenza "Memorie. Testimonianze dagli scritti dei reduci della RSI", organizzata nell'anniversario del martirio del Duce del Fascismo, dei gerarchi della Repubblica Sociale e di migliaia di soldati dell'esercito Repubblicano. Antonio Lallo, responsabile culturale di CPI L'Aquila, ha aperto la conferenza con una breve introduzione al tema della memoria storica della RSI. Citando passi delle opere di memorialistica dei soldati della Repubblica Sociale, ha voluto porre l'attenzione sull'importanza che la preservazione e la diffusione delle opere autobiografiche dei reduci ha per giungere ad una ricostruzione della verità storica oggettiva dell'esperienza della RSI e del suo significato dopo decenni di menzogne politicizzate, volontà espressa dagli stessi reduci nei propri scritti ed alla base della loro decisione di comunicare il proprio vissuto bellico. La parola è andata poi a Domenico Silvestri, reduce aquilano del Battaglione M "9 Settembre", il primo reparto italiano a ricostituirsi dopo l'armistizio dell'8 Settembre. Questi ha rievocato la propria esperienza, dalla decisione di arruolarsi per riscattare la Patria dall'onta del tradimento, alla sua partecipazione a tutte le vicende belliche della RSI, dalle operazioni di contrasto allo sbarco di Anzio fino alla resa nell'Aprile del 1945. Silvestri ha ricordato i volontari aquilani della RSI caduti in battaglia, cui non viene reso il dovuto onore, ed ha evocato le stragi partigiane ai danni dei nemici ormai vinti. La vividezza e la spontaneità della narrazione ha suscitato continui applausi da parte della platea, commossa di fronte alla rievocazione delle gesta dei combattenti dell'Onore. In serata è stata la volta dei romani Timebombs, che hanno offerto uno straordinario concerto, alternando versioni acustiche di propri pezzi a cover di classici della musica alternativa. Altissimo il gradimento del pubblico, giunto numeroso per l'occasione, che ha accompagnato cantando l'esecuzione di tutti i pezzi.

1 commento: